Categorie testuali nei documenti di lavoro dei compositori

Bernhard R. Appel

Abstract


Fino al ventesimo secolo i compositori non hanno mai pubblicato musica nel senso stretto del termine, ma solamente testi prodotti in forma di manoscritto e quindi licenziati per lo più come testi a stampa. La musica ha origine solamente a partire da questo presupposto. Per investigare sul pensiero e sul lavoro compositivo, dunque, devono essere presi in considerazione principalmente i veri e propri testimoni manoscritti, non la musica attraverso essi prodotta. Con la “scrittura” dei propri documenti di lavoro – questi ultimi intesi come somma di tutte le tracce materiali e tangibili riconducibili al compositore stesso – i compositori consegnano non solo testi musicali (composizioni, schizzi, abbozzi, frammenti etc.) ma anche altre tipologie testuali in cui il testo musicale si trova incastonato. Anzitutto è necessario distinguere in maniera sistematica le forme, le funzioni e i significati di queste differenti tipologie testuali, quindi bisogna indagare sulle relazioni che tra loro intercorrono. Solamente attraverso il riconoscimento di queste differenti categorie testuali è possibile ricostruire la dinamica dei processi di lavoro e di scrittura. Dalla riflessione sulla tanto centrale quanto complessa categoria di “testo” derivano, per la critica genetica dei documenti di lavoro dei compositori, conseguenze che vanno valutate su un piano metodologico.

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.13132/1826-9001/16.1838

Registrazione presso la Cancelleria del Tribunale di Pavia n. 552 del 14 luglio 2000 – ISSN elettronico 1826-9001 | Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Musicologia | Pavia University Press

Privacy e cookies