La value relevance delle informazioni di bilancio sui crediti deteriorati: il caso delle banche italiane

Salvatore Loprevite, Bruno Ricca

Abstract


La crisi economico-finanziaria esplosa nel 2008 ha determinato, tra le altre conseguenze, un incremento esponenziale dei crediti deteriorati nei bilanci bancari. Le svalutazioni di tali attività iscritte a conto economico hanno eroso i risultati reddituali dei vari esercizi, mentre la parte non coperta – costituita dai valori netti iscritti nell’attivo dello stato patrimoniale – ha rappresentato, di anno in anno, un potenziale fattore di riduzione dei redditi futuri comunicato in bilancio ai terzi. Conseguentemente, si è largamente diffusa l’opinione che tali partite abbiano costituito (unitamente agli altri fattori di mercato o specifici di ciascuna banca) una variabile che ha inciso sul crollo delle quotazioni di borsa dei titoli bancari in Italia. Non sono state, tuttavia, proposte indagini volte a testare sul piano analitico tale relazione negli anni della crisi.

Il presente lavoro, basandosi sulle applicazioni della value relevance analysis, mira a stimare la relevance per gli investitori delle due principali categorie di crediti deteriorati: sofferenze e inadempienze probabili (già incagli). I risultati dell’indagine mostrano l’esistenza di una significativa relazione statistica e consentono di affermare, sul piano aziendale, che la maggiore o minore capacità dimostrata dalle banche nella gestione del rischio di credito ha avuto indubbi riflessi sul valore di mercato dei titoli

Keywords


Value relevance, non performing exposures, crediti deteriorati, banche italiane

Full Text:

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.13132/2038-5498/7.3.221-235

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Registered by the Cancelleria del Tribunale di Pavia N. 685/2007 R.S.P. – electronic ISSN 2038-5498

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________


Privacy e cookies