Condotte modali di Monteverdi: il Vespro della Beata Vergine (1610)

Daniele Sabaino, Marco Mangani

Abstract


L’organizzazione dello spazio sonoro delle composizioni di Monteverdi è stata variamente interpretata negli ultimi cinquant’anni, sia ‘dall’interno’ che ‘dall’esterno’ delle categorie modali della tradizione teorica rinascimentale. La sua posizione cruciale, a cavallo tra due secoli che videro uno dei cambiamenti più significativi in materia di tutta la storia musicale dell’Occidente lascia ancora spazio a ulteriori riflessioni. Sulla base degli studi svolti negli anni dai suoi autori, il saggio prende le mosse dall’idea che, anche nel caso di Monteverdi, la prospettiva – almeno iniziale – di uno studio dell’organizzazione sonora della sua opera non possa che essere il concetto di modo (che è qualcosa di diverso dall’idea di ‘sistema modale’). Su queste basi, il saggio esamina quindi alcuni aspetti delle condotte modali dei Vesperae pluribus decantandae del 1610 per far luce sui seguenti aspetti: (1) se salmi e mottetti si comportino diversamente in relazione all’organizzazione tonale; (2) se e come l’uso dei toni salmodici da un lato ed elementi dell’organizzazione formale come ostinati, bassi passeggiati ecc. influenzino tale organizzazione; (3) se esista una qualche corrispondenza tra le scelte formali e testurali (contrappunto, monodia accompagnata, stile concertante) e l’organizzazione sonora di ciascun brano; (4) se (e, in caso, dove) la dimensione verticale acquisisca una predominanza ‘armonica’ sopra lo svolgimento delle singole linee orizzantali in contrappunto, e infine (5) se e in che misura le scelte monteverdiane di organizzazione sonoriale provochino un rilassamento dei principi modali e lascino intendere altri sistemi organizzativi dello spazio sonoro

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.13132/1826-9001/17.1984

Registrazione presso la Cancelleria del Tribunale di Pavia n. 552 del 14 luglio 2000 – ISSN elettronico 1826-9001 | Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Musicologia | Pavia University Press

Privacy e cookies