Profili critici relativi al criterio del costo ammortizzato per la valutazione dei debiti di finanziamento

Annalisa Baldissera

Abstract


Il criterio del costo ammortizzato per la valutazione dei debiti è stato introdotto in Italia con il D. Lgs. 139/2015, a seguito del recepimento della Direttiva 2013/34/UE. La presente trattazione si propone di indagare il criterio e le sue implicazioni sull’informativa di bilancio, con particolare riferimento sia al sistema giuridico-contabile del quale è originario, sia alla dottrina e alla legislazione nazionale. In particolare, il criterio presenta taluni profili di criticità, in parte relativi, o di contesto, inerenti alla sua incompleta coerenza con i caratteri distintivi delle civil law countries, in parte intrinseci, cioè sussistenti a prescindere dall’ambito di adozione e derivanti soprattutto dalla logica finanziaria sulla quale si basa. Da questa analisi emerge in particolare come il nuovo criterio di valutazione non apporti benefici informativi significativi a favore degli interpreti, soprattutto “esterni”, del bilancio, ma al contrario conduca a una rappresentazione dei valori per taluni versi fuorviante, soprattutto nei riguardi dei creditori sociali.

Keywords


financial statement, amortized cost, financial evaluation

Full Text:

PDF (Italiano)


DOI: http://dx.doi.org/10.13132/2038-5498/9.3.1917

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Registered by the Cancelleria del Tribunale di Pavia N. 685/2007 R.S.P. – electronic ISSN 2038-5498

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________


Privacy e cookies