Il Ghetto di Venezia

Adele Colli Franzone

Abstract


Nel 1516 la Repubblica di Venezia mise a disposizione l’area del “Ghetto nuovo”, quella delle fonderie di rame, per collocarvi “Li Giudei” che “debbono tutti abitare uniti in la Corte di Case”. Nasce così il primo “recinto degli ebrei”, luogo di emarginazione e segregazione ma anche di riscatto. Una città nella città che diverrà un micro-cosmo eccezionale, una composita e variegata umanità ricca di effervescenza, centro di commercio e fondamentale punto di riferimento per la costruzione culturale del popolo ebraico.

Full Text:

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.13132/2038-5498/8.1.29-32

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Registered by the Cancelleria del Tribunale di Pavia N. 685/2007 R.S.P. – electronic ISSN 2038-5498

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________


Privacy e cookies