Lesioni traumatiche della laringe: piccoli traumi grandi danni

Laura Pagani, Serena Marra, Silvia Paiardi, Giovanni Ricevuti, Maria Antonietta Bressan

Abstract


Le lesioni traumatiche della laringe comprendono un insieme piuttosto eterogeneo di quadri clinici di differente eziopatogenesi e gravità; essi comportano alterazioni più o meno marcate dell’anatomia e delle funzioni della laringe tra le quali la difficoltà respiratoria può rappresentare l’aspetto prioritario, da trattare in maniera efficace e tempestiva; nella maggior parte delle situazioni le alterazioni della funzione fonatoria rappresentano comunque un elemento pressoché costante che va sempre tenuto in debita considerazione per evitare esiti invalidanti che possono condizionare sensibilmente la qualità della vita del paziente. I traumi esterni della laringe di rilevanza clinica sono un’evenienza relativamente rara: in letteratura viene infatti riportata un’incidenza compresa tra 1 su 124,000 e 1 su 137,000 traumi afferenti a un pronto soccorso generale. Essi costituiscono sempre una condizione potenzialmente grave per l’elevato rischio di mortalità in acuto e di morbilità residua.

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.6092/2039-1404.127.1664



ISSN cartaceo: 0390-8283 - ISSN elettronico: 2039-1404 - Periodicità trimestrale - Pubblicato dal 1886 - Registrazione presso la Cancelleria del Tribunale di Pavia
Pavia University Press
Università degli Studi di Pavia - Facoltà di Medicina e Chirurgia - Policlinico "San Matteo"

Privacy e cookies