Attività fisica adattata: possibili benefici in bambini e adolescenti obesi

Alice Brambilla, Chiara Gertosio, Maria Beatrice Ruozi, Valeria Paganelli, Rossana Toglia, Gloria Cantamessa, Anna Chiara Malvezzi, Daniela Oliani, Benedetta Pietra

Abstract


L’obesità infantile è una condizione patologica in continua crescita responsabile di gravi ripercussioni sulla salute degli affetti e in grado di determinare ingenti costi sanitari diretti e indiretti. La prevenzione e il trattamento dell’eccesso ponderale si basano primariamente su una dieta bilanciata e su una costante attività fisica; i soggetti obesi tuttavia lamentano spesso difficoltà fisiche e psichiche a partecipare ai corsi sportivi offerti alla popolazione generale.
Il nostro studio ha proposto un programma di attività controllato di 12 settimane a carattere ricreativo, adattato alle capacità funzionali dei soggetti obesi e basato su una strategia multistep. Un programma di attività di questo tipo si è dimostrato efficace nel migliorare i parametri metabolici e funzionali dei partecipanti, favorendo la partecipazione all’esercizio e riducendo gli iniziali abbandoni.


Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.6092/2039-1404.125.1470



ISSN cartaceo: 0390-8283 - ISSN elettronico: 2039-1404 - Periodicità trimestrale - Pubblicato dal 1886 - Registrazione presso la Cancelleria del Tribunale di Pavia
Pavia University Press
Università degli Studi di Pavia - Facoltà di Medicina e Chirurgia - Policlinico "San Matteo"

Privacy e cookies